ZUMBA

/ZUMBA
ZUMBA2018-12-03T12:53:05+00:00

La zumba nasce da un’idea di un ballerino ed istruttore fitness colombiano, di Cali, di nome Alberto Beto Perez, oggi 48enne.
Grazie alla sua energia e vivace esplosività, Alberto inizia ad insegnare il suo programma di allenamento, “Slide”, negli anni ’80, per poi dedicarsi successivamente alle lezioni di aerobica nel decennio successivo, riscuotendo grande successo. Un giorno, si rese conto di aver dimenticato le musicassette per far lezione.

Per cercare di recuperare, utilizzò quelle di salsa e merengue che teneva di riserva nello zaino, spiegando agli allievi il progetto di voler sperimentare un nuovo tipo di allenamento tenendoli completamente all’oscuro della volontà di voler improvvisare il tutto. A fine lezione, contro ogni sua aspettativa, il progetto fu così efficace che i sui allievi non ne vollero sapere di ripetere le vecchie lezioni, mostrandosi entusiasti e curiosi per questo nuovo tipo di attività.

Dopo l’inaspettato successo, Beto venne assunto come coreografo in un’agenzia di moda in Colombia per insegnare a modelle e cantanti (tra cui Shakira) a ballare e collaborò con importanti società come la Sony Music. Nel 2000 si trasferì a Miami e lì incontrò i suoi soci, Alberto Perlman e Alberto Aghion insieme a cui, l’anno dopo, fondò la Zumba® Fitness.

La Zumba ha ormai sviluppato numerose tipologie di training, alcune delle quali sfruttano anche l’utilizzo di piccoli attrezzi. Molto famosa a partire dal 2016, anno della sua presentazione, è “Strong by Zumba”, che valorizza maggiormente il condizionamento fisico rispetto all’alta intensità cardiaca. Troviamo anche Zumba Toning, Zumba Step, Zumba Sentao, Zumba in the Circuit, Zumba Gola, Zumba Kids J e Acqua Zumba; alcune di quelle elencate sono state create direttamente dall’ideatore colombiano.

Qualunque sia l’attività che uno decide di affrontare è bene tenere conto soprattutto dei benefici che questa disciplina può offrire quali: la perdita di peso, il miglioramento del sistema cardiocircolatorio, la tonificazione muscolare e, dulcis in fundo, il divertimento e benessere che questa rilascia.
L’abbigliamento, anche se può risultare ironico dirlo, deve essere caratterizzato da colori vivaci, fluo, in perfetta tinta con lo stato d’animo del praticante (oltre i consueti pantaloni larghi e maglie con scritte apposite) per favorire un maggiore coinvolgimento dello stesso all’interno del contesto sportivo in cui si sta allenando. La musica, altresì, riveste un ruolo fondamentale in questa attività perché i balli caraibici, per natura, sono gioiosi e colorati e permettono di far entrare in uno stato di allegria il partecipante al corso.

Assistendo ad una lezione è semplice notare come la maggior parte del pubblico sia femminile. Perez diede una spiegazione a questo fenomeno, dicendo che, d’altro canto, erano state proprio le donne a chiedergli di creare la Zumba. Ad oggi Zumba conta 15 milioni di praticanti, sistemati in 180 paesi e 200.000 località.

 

vedi tutti gli eventi di zumba