Pilates

/Pilates
Pilates2018-11-27T17:04:41+00:00

Il Pilates viene identificato tra le discipline sportive in grado di conciliare l’equilibrio tra mente e  corpo.
Rimasto per anni nell’ombra, il Pilates è stato praticato unicamente da ballerini e atleti come tecnica di potenziamento del corpo, non facendolo risaltare per il suo più grande punto di forza: conciliare la ricerca della forma fisica con l’equilibrio tra mente e corpo.

Fu Joseph Pilates a sviluppare l’omonimo metodo il quale, derivando dalle fusioni tra discipline orientali come yoga e dottrine sportive occidentali,  immise nello scenario del fitness una nuova concezione di pensiero da cui scaturì successivamente un metodo di allenamento.
Alla base delle riflessioni di Pilates ci fu una necessità più che una voglia: sopperire alle scarse e deboli condizioni fisiche con cui dovette convivere nell’infanzia affiancando al potenziamento fisico la ricerca dell’equilibrio e del bilanciamento corporeo.
Questo compromesso venne ritrovato tramite la coniugazione delle discipline sportive occidentali con le tecniche di respirazione e fluidità corporea tipiche dell’oriente. Il Pilates inizialmente prese il nome di “Contrology”, un disciplina tipica degli anni ’30 particolarmente usata tra ballerini ed atleti come tecnica di riscaldamento e rinforzo muscolare. L’allenamento Pilates può essere effettuato anche con piccoli attrezzi applicabili ad innumerevoli esercizi il cui fine è quello di far collaborare mente e corpo alla ricerca della fluidità dei movimenti tramite l’utilizzo della respirazione.

Questa disciplina apporta diversi benefici tra cui il miglioramento della postura, agendo sull’apparato scheletrico, e la corroborazione del tono e della forza muscolare.
I movimenti tipici, conferiscono una migliore fluidità al corpo e permettono di godersi il relax derivante da questo tipo di attività, capace di diminuire lo stress grazie alla consapevolezza dei movimenti del proprio corpo.

Una seduta standard di Pilates dura in media dai 45 ai 60 minuti e rende l’intera attività un unicum, senza calcare troppo sulla distinzione tra riscaldamento, fase centrale di lavoro e defaticamento.
La fluidità raggiunta attraverso l’esercizio la si ritrova dunque anche nell’intelaiatura principale dell’allenamento, la quale, conferisce continuità estesa sia a livello cognitivo- muscolare che a livello sociale, permettendo l’interazione tra i praticanti della stessa aula. Il collante classico di una qualsiasi seduta di allenamento (anche non per forza di Pilates) rimane la musica.
Questa, viene adatta in maniera funzionale, accompagnando con suoni più leggeri e morbidi, o un po’più pop e rock l’intera durata della lezione, scandendola in base ai bpm delle note.

Gli esercizi eseguiti sono molto similari a quelli di yoga e spesso, come già detto, si avvalgono di piccoli attrezzi come manubri molto leggeri o fit ball. Tendenzialmente, per eseguire bene gli esercizi, è bene tenere a mente delle piccole regole, utili al consolidamento della forma fisica: respirare espandendo le coste in tutte le direzioni, mantenere sempre attivo il corsetto addominale, ricercare sempre la posizione neutra di schiena e bacino, assicurarsi che collo e spalle siano rilassati e le spalle siano sempre lontane dalle orecchie, eseguire solo movimenti che non compromettano la posizione corretta del bacino, aumentare l’ampiezza del movimento man mano che si esegue un esercizio, scegliere l’evoluzione adatta al vostro livello di allenamento e ricercare sempre l’eccellenza del gesto.

vedi tutti gli eventi di pilates