STEFANO ITALIANO

//STEFANO ITALIANO
STEFANO ITALIANO2019-04-12T12:13:19+00:00

STEFANO ITALIANO

Crossfitter

Reebok Ambassador

Personal Trainer

Martial Arts Education

Ciao, sono Stefano Italiano.

Sono nato a Chivasso in provincia di Torino quasi 32 anni fa.
Le scuole elementari le ricordo con molto piacere, mentre spendo parte della mia giornata cercando di cancellare i tre anni di medie; ero grasso, ero pigro e avevo paura di tutto, creandomi i disagi che potete immaginare.

Questo è uno dei motivi che mi ha spinto a 14 anni, con l’inizio delle scuole superiori, a fare sport. Mi ero stufato, o quanto meno, avevo capito di non poter andare avanti così.

vedi tutti gli eventi di Stefano Italiano

Ho cominciato con la kick boxing. Mi innamorai fin da subito della disciplina e degli sport da combattimento, tanto che, dopo aver conseguito la cintura nera e il diploma da istruttore e aver vinto un paio di titoli italiani nel full contact (1 da dilettante e 1 da pro) decisi di passare al pugilato.

Fu amore a prima vista, un amore viscerale che quasi ti consuma dentro: ho combattuto 32 match da dilettante di prima serie, vincendone 27.

Poco prima della convocazione in nazionale che mi avrebbe fatto capire se continuare con il dilettantismo o passare al professionismo, durante la finale del “guanto d’oro” andai ko a causa di un brutto colpo.
Questo mi portò a dover interrompere la carriera, un po’ perché i medici mi sconsigliarono di proseguire, ma soprattutto per amore di mia mamma, la quale, nonostante fosse morta di paura mi disse che se avessi voluto continuare, lei non mi avrebbe fermato.

Mentre decidevo cosa fare, diventai istruttore di pugilato.

Dopo anni spesi nelle palestre e tre tentativi universitari, non andati a buon termine (filosofia, scienze motorie e lettere) decisi che avrei voluto lavorare nel settore del fitness. Allenandomi con il pugilato capii l’importanza delle preparazione atletica in relazione a quella tecnico tattica. Mi si aprì la porta che dava su un terreno inesplorato e mi appassionò così tanto che cominciai a studiare, seguendo il percorso di formazione fornito dallo c.s.e.n di Cuneo e dal Maestro Nicola Camera.

Presto diventai Istruttore di body building, personal trainer, educatore alimentare e maestro di sport ricoprendo il ruolo di docente di “allenamento funzionale”. Con questo bagaglio culturale e tecnico mi sentii pronto ad aprire il mio primo centro fitness, ovvero uno studio dedicato solo ed esclusivamente di personal training: very well – your professional trainer.

Era il 29 Settembre del 2009, io avevo 23 anni e stavo a mia insaputa diventando un piccolo imprenditore. Dopo 3 anni circa di fittissima attività, con l’impazzare del CrossFit come preparazione atletica per i fighter, decisi di capire cosa fosse realmente e come funzionasse questa disciplina.

Mi documentai, lessi e studiai, andai in giro per capire cosa mi spingesse così tanto in quella direzione. Lo capii: ero pazzo per il CrossFit! Conseguii il level 1 a Milano, il 12 Giugno 2012 e quando tornai a casa dissi ai miei genitori che era quello che avrei voluto fare nella vita: diventare come Chuck Carswell.
Tutto mi spinse in quella direzione, tanto che dopo essere entrato nel Team Reebok mi trasferii a Milano per aprire il mio box CrossFit ‘’Reebok CrossFit Bicocca’’.
Il primo anno, grazie anche all’entusiasmo, frutto del cambiamento, riuscii a qualificarmi ai CrossFit Regionals del 2013.

Dopo un paio di anni spesi a Milano decisi di avvicinarmi a colui che fino a quel momento fu il mio coach da ‘’remoto’’ Matteo Fuzzi, così mi trasferii a Ravenna dove passai i successivi 4 anni.
Questo fu il turning point per il mio lavoro e la mia carriera come atleta. In accordo con Matteo trovammo il modo per lavorare sempre meno e allenarmi sempre di più fino a che smisi totalmente di lavorare per dedicarmi a ciò che volevo: diventare un professionista del CrossFit.
Questa decisione mi portò a girare l’Italia, l’Europa e non solo intascando esperienze che ancora oggi ritengo preziose come per esempio aver partecipato all OCThrowDown o aver preso parte ai ProDays del Grid.

Purtroppo l’evoluzione del CrossFit andò più veloce di me e capii di non essere sufficientemente competitivo per smettere di lavorare pertanto abbracciai il nuovo Business di consulenza legato alle numerose aperture di box affiliati. Nell’ultimo anno, così, girai l’Italia aiutando chi avesse problematiche all’interno della struttura già esistente o volesse fare una start up.
Tutte queste esperienze, più innumerevoli esperienze personali mi hanno portato oggi, a sviluppare il mio personale progetto legato al coaching: sportivo, alimentare, e di lifestyle.